Archivio Mensile: settembre 2015

set 30

Riace, storia di rinascita ed accoglienza

La sveglia della terza tappa, è sulla piazza adiacente al comune di questa piccola cittadina che si chiama RIACE. La prima cosa che ti viene in mente quando la si nomina, sono i più famosi Bronzi  (che tra l’altro non si trovano neanche li….ma a Reggio Calabria); come se ne sono andati via i bronzi …

Continua a leggere »

set 30

La Marcia tra accoglienza e spopolamento

La quarta tappa della Marcia è a Riace (RC), dove abbiamo anche sostato e riposto per la notte, un piccolo paesino, dove dopo aver fatto colazione e montato il tutto per l’ iniziativa, abbiamo incontrato ai piedi del comune, il sindaco di questa piccola cittadina Calabrese, Domanico Lucano. Il sindaco ci ha raccontato la storia …

Continua a leggere »

set 30

I ‘mafiosi’ del contributo agricolo. “Intascano e non seminano”

Rosarno: la denuncia di Michele Chilometri e chilometri di uliveti e frutteti. Spazi ampi e incontrollati, dove spesso i pastori appiccano incendi a orologeria. Siamo a due passi da Rosarno (Reggio Calabria) e Michele, su un appezzamento di 10 ettari, ha aperto una fattoria didattica. Ha un piccolo frantoio e il suo socio produce anche …

Continua a leggere »

set 29

Agricoltori e professori, due mondi che s’incontrano.

Dalla Puglia alla Calabria, la marcia continua… Calabria, 29 settembre 2015 Stamattina la sveglia della marcia è suonata presto, ore 06,00,  il motivo è ancora una volta l’inchiesta sul caporalato; questa volta vogliamo toccare con mano la realtà di questo fenomeno e ci addentriamo nelle campagne di Metaponto, per documentare le lavoratrici nelle vigne e …

Continua a leggere »

set 29

Sui campi del Metapontino…“L’uva? 40 centesimi al campo, oltre un euro comprata sugli scaffali delle coop”

E’ mattina presto. Ai confini tra Puglia e Basilicata, di preciso tra Bernalda e Ginosa una squadra di 50 braccianti è già al lavoro. Arrivano da Ceglie Messapica (Brindisi). Sono partite da casa “alle 4 di stanotte”. Una di loro ci dice che “le condizioni di lavoro sono buone”. Guadagnano “40 euro al giorno” e …

Continua a leggere »

set 29

Asciugarsi le lacrime per tornare a lottare

Le due facce dell’agricoltura: Alfredo soffre a Sibari, Dino sorride a S.Marco Agentano Il camper del Movimento ‘Riscatto, seguendo la dorsale jonica, è approdato in Calabria. Basta avvicinarsi alla piana di Sibari (Cosenza) per capire quanto sia devastato quel territorio. Campi abbandonati, contadini che hanno perso ogni speranza. Contadini come Alfredo, 68 anni. Le ultime …

Continua a leggere »

set 28

Le braccianti si vedono. I caporali si nascondono. Lo Stato non c’è Un esempio virtuoso, 30 ani fa, nel Brindisino

Siamo a San Giorgio Ionico (Taranto). E’ notte fonda. Alla spicciolata, un gruppo di braccianti agricole si muove, a piedi, dal centro storico verso una stradina interna. E’ lì che il pulmino le attende per condurle sui campi. Anche oggi raccoglieranno uva. Fin qui tutto normale. Se non fosse che alla base della loro quotidianità …

Continua a leggere »

set 28

Seconda tappa. L’incontro con le tv nazionali

San Giorgio Jonico, 28 settembre 2015 La seconda tappa della marcia vede la sua alba, alle ore 7,00, nella piazza di San Giorgio Ionico, dove, raggiunti da un gruppo di agricoltori del movimento Riscatto venuti da Altamura e Gravina in Puglia, la marcia è protagonista del panorama televisivo nazionale con una prima diretta televisiva alle …

Continua a leggere »

set 27

Marcia per il Riscatto: Prima tappa tra ambiente e caporalato.

Alle ore 8,00 del giorno 27 settembre 2015, i cinque componenti della marcia si incontrano e riuniscono a Ginosa Marina, mettendosi in marcia alla volta di Taranto. Alle ore 9,00 arrivo all’ azienda agricola – zootecnica di Vincenzo Fornaro, in cui oggi si svolge un congresso del partito dei “VERDI”. Una volta sistemato il camper …

Continua a leggere »

set 27

S.Giorgio Ionico. Il racconto di Ivonne: “Qui al posto dei vigneti oggi lucrano le multinazionali del fotovoltaico”

San Giorgio Jonico – Ivonne, una garbata signora bresciana, vive a S.Giorgio ionico (Taranto), in contrada Pasone e lavora per una cooperativa sociale impegnata nell’inclusione sociale da diversi anni. Lì dove un tempo c’erano ampi vigneti, da alcuni anni, afferma, “c’è stata un’aggressione da parte di una multinazionale spagnola”. Sui campi un tempo destinati a …

Continua a leggere »

Post precedenti «