Archivio Categoria: Diario di Eugenio

ott 29

Solo lo 0,5 del vino italiano è ‘davvero biologico’

12180203_1229424793740145_1294971486_n

Colpa di un disciplinare che consente l’aggiunta in cantina di “diversi additivi chimici” E’ pari solo allo 0,5% il vino ‘biologico ‘naturale’ su un 7%, che è invece la quantità totale di biologico prodotto in Italia. Come dire: c’è biologico e biologico. E non è affatto una questione di lana caprina. E’ una questione di …

Continua a leggere »

ott 28

Il Parmigiano reggiano? Sempre più ‘surrogato’ e industriale

Il produttore: “Nelle aree di provenienza terre abbandonate e stalle chiuse” Altro che d.o.p. “Il 50% delle stalle da latte” da cui proviene il Parmigiano reggiano stanno chiudendo. Dove prima c’era una stalla ogni 100 metri oggi prevalgono ampie distese di deserto. Siamo a Borghetto di Noceto (Parma). Roberto, con le sue 120 mucche in …

Continua a leggere »

ott 27

‘Non ci servono fondi europei, ma un equo prezzo agricolo’

Parla Nicola Gozzoli, allevatore e presidente di ‘Insieme per la Terra’ La denuncia, secca, arriva da Bagnolo S.Vito, periferia di Mantova. Vista da qui la “ricca Lombardia” con le sue 50 mila aziende agricole e le vetrine tirate a lucido dell’Expo, appaiono come avvolte nella fitta nebbia padana. Quella nebbia che da queste rende tutto …

Continua a leggere »

ott 25

I mercatini bio come antidoto alla ‘alienante’ vetrina Expo

“Siamo giovani, produttori, e coltiviamo prima di tutto il rispetto del terreno” Pomodori, noci, patate, peperoncini. Piccoli appezzamenti per tanti associati. E’ il modello di produzione sociale a cui aderisce Ettore e con lui altri giovani agricoltori di Ancona e dintorni. Tutti rigorosamente giovani; in media non superano i 30 anni di età. Li abbiamo …

Continua a leggere »

ott 23

‘Date il giusto prezzo al nostro latte’

Più costi che guadagni; 600 allevatori torinesi si associano e promettono battaglia L’unione fa la forza. Per questo 4 allevatori dell’area di Pinerolo (Torino) all’inizio di ottobre hanno deciso di unirsi contro il crollo dei prezzi alla stalla. ‘Noi siamo voi’ è il nome del nascente movimento. “I caseifici ci pagano 32 centesimi per litro …

Continua a leggere »

ott 22

“No agli anabolizzanti nelle carni da allevamento”

Le agghiaccianti denunce e i rischi segnalati da Gilberto, veterinario e allevatore piemontese “La nostra è una battaglia storica contro gli allevamenti industriali”. Così Gilberto Turbiani, un veterinario che alleva e trasforma maiali e vacche tra Piemonte e Val d’Aosta. Non più di “300 capi” di bestiame. La sua “fortuna” è quella di chiudere il …

Continua a leggere »

ott 21

‘Noi, ultima generazione di floricoltori’

Ecco come sta sfiorendo l’agricoltura del ponente ligure “L’Imu agricola di Renzi è stato il colpo di grazia per la nostra floricoltura”, afferma, con grande schiettezza, Roberta Guglielmi, sindaco di Vallebona (Imperia). “Ci siamo ritrovati con un taglio di 278mila euro da parte dello Stato e abbiamo dovuto applicare diverse tasse, tra cui la Tasi. …

Continua a leggere »

ott 20

Agricoltori bio: ‘piccoli, poveri, ma belli’

“Diciamo no all’approccio Slow food, troppo vicino ai centri di potere” Non è il mondo di Petrini e Slow food, tutto etichette, libri, pubblicità, e forte appeal coi principali media. C’è una cultura ‘biologica’, nata oltre 20 anni fa, che ci tiene a non contaminarsi e a preservare il suo carattere naif. “Senza slogan”, spiega …

Continua a leggere »

ott 19

Allevatori per “passione”. Ma il latte non paga

Lo sfogo abruzzese: “Così non va: chiediamo un prezzo più remunerativo” Non è per niente “remunerativo” portare avanti una stalla con 80 mucche, di questi tempi. Ci troviamo ad Ofena, nell’Altopiano del Tirino, in provincia dell’Aquila. Da queste parti nel 2009 è arrivato anche il terremoto a dare il colpo di grazia ad una realtà …

Continua a leggere »

ott 18

Nei discount italiani “pane rumeno congelato”.

La denuncia di un fornaio abbruzzese. La favola del fornaio italiano che ride beato evoca vecchie pubblicità ormai obsolete. La realtà dice ben altro. Antonio fa il panettiere nell’area dell’Aquila e utilizza farine rigorosamente nazionali. “Con il terremoto – spiega – ho perso diversi clienti”. Si tratta di “alimentari” che hanno abbassato le saracinesche e …

Continua a leggere »

Post precedenti «