«

»

set 30

I ‘mafiosi’ del contributo agricolo. “Intascano e non seminano”

Rosarno: la denuncia di Michele

Luigi, l'autore della denuncia

Luigi, l’autore della denuncia

Chilometri e chilometri di uliveti e frutteti. Spazi ampi e incontrollati, dove spesso i pastori appiccano incendi a orologeria.
Siamo a due passi da Rosarno (Reggio Calabria) e Michele, su un appezzamento di 10 ettari, ha aperto una fattoria didattica.
Ha un piccolo frantoio e il suo socio produce anche miele. Michele tiene la schiena dritta in una realtà, Rosarno, nota non solo per le condizioni di schiavismo a cui sono costretti gli immigrati negli uliveti, ma anche per le ruberie e la tracotanza di agricoltori in odore di ‘ndrangheta.
“In tanti – spiega – in questi anni hanno fatto carte false per arraffare i contributi europei”.
E’ un fenomeno piuttosto diffuso anche in altre realtà, ma qui appare una regola, più che un’eccezione. Volendo semplificare funziona così: prendi i fondi perché hai un tot di terreni su cui seminare e produrre.

12166162_1221024917913466_786052726_nMa in realtà fai man bassa dei contributi, intaschi e non produci.
Così in molti “comprano auto nuove e vivono nel lusso”, racconta Michele, che aggiunge: “Alcuni produttori della zona mi prendono in giro perché io continuo a ‘faticare’ nella terra.
Dicono che con tutti i fondi europei che arrivano ormai non conviene più salire sul trattore e darsi troppo da fare”.
Già, perché, a quanto pare, in questa terra inquinata di malaffare nessuno controlla se l’agricoltore abbia davvero prodotto sui terreni per cui ha ricevuto il contributo, o meno.
Una ‘cresta’ da milioni di euro. Si chiamerebbe ‘truffa all’Unione europea’.
Ma in una realtà fatta di connivenze, dove i controllori spesso tendono a chiudere un occhio per evitare impicci, ognuno fa che vuole. Chi tira avanti con la schiena dritta è una mosca bianca.
Il far west è servito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>