«

»

ott 19

La marcia lascia il lazio e incontra l’agricoltura abruzzese

12141794_988737887852281_6634593901229789966_nLa mattina del 17 ottobre siamo nel pieno centro di Roma, al teatro “Ambra Jovinelli”, dove si celebra un convegno in occasione della giornata mondiale per l’eradicazione della povertà, promosso dall’associazione “Libera”, in cui è anche presente Maurizio Landini, segretario generale della FIOM; l’occasione è giusta per consegnare a Landini e a Don Luigi Ciotti, presidente di “Libera”, i documenti sulle proposte che il Movimento Riscatto sta portando in tutta Italia con la marcia e invitare a partecipare coinvolgendo le realtà sociali di cui fanno parte, alla manifestazione del 31 a Roma.
Dopo aver lasciato il centro di Roma, la strada che percorriamo ci porta in Abruzzo, precisamente nella città di Ofena, dove incontriamo gli allevatori Luciano e Gulielmo Dionisi, rispettivamente padre e figlio, che Eugenio intervista sulla situazione degli allevatori in quella zona; durante la serata incontriamo anche altri agricoltori della città vicina di Capestrano, dandoci appuntamento all’indomani a Navelli.
La mattina del 18 ottobre incontriamo, in piazza San Pelino a Navelli, un gruppo di agricoltori e allevatori della zona, e le rappresentanze dei comuni di Ofena e Navelli; Gianni illustra gli scopi della marcia, le vertenze e le mobilitazioni fatte dal Movimento Riscatto e la “Rete Dei Municipi Rurali, invitando le amministrazioni, gli agricoltori e cittadini, alla manifestazione a Roma del 31 ottobre; le amministrazioni di Ofena e Navelli, vedono di buon occhio l’ adesione Alla “Rete dei Municipi Rurali” e ci dicono che attiveranno tutti i mezzi possibili per poter aderire e divulgare agli altri comuni abruzzesi, e anche di organizzare, con l’ aiuto degli agricoltori presenti oggi che sono rimasti interessati dai vari argomenti che oggi abbiamo affrontato, un pullman per la partecipazione del 31 ottobre, in cui vogliono esserci anche loro in rappresentanza della regione e degli agricoltori dell’ Abruzzo. Nel primo pomeriggio ci rimettiamo in marcia per raggiungere le Marche.

Francesco Mastromarco

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>